Ri-Abitare Paratissima START/Arte Saluzzo

RI-ABITARE

27° MOSTRA DI ARTE CONTEMPORANEA DI SALUZZO

DAL 29 APRILE AL 22 MAGGIO
FONDAZIONE AMLETO BERTONI

web saluzzo2

La mostra collettiva RI-ABITARE, a cura di Francesca Canfora, animerà la sezione di START/ARTE dedicata all’Arte Contemporanea che inaugurerà il 29 aprile per concludersi il 22 maggio 2022.

“Abitare un luogo, vuol dire impossessarsene? Che significa impossessarsi di un luogo? A partire da quando un luogo diventa veramente vostro?” Georges Perec, Specie di Spazi

L’esteso progetto espositivo, a cura di Francesca Canfora, che si articolerà nelle ampie sale del Quartiere, sede della Fondazione Bertoni, coinvolgerà 33 artisti che interpreteranno il tema attraverso le più varie tecniche e linguaggi espressivi.
A fianco dei talenti emergenti più giovani, espongono artisti più noti e dal curriculum espositivo di lungo corso, tra cui Domenico Borrelli, Carlo Doria, Enrico Iuliano e Walter Visentin, che per l’occasione ri-abiteranno gli spazi del Quartiere con grandi sculture e installazioni di dimensione ambientale.
Tra gli artisti più conosciuti sarà presente anche Davide Dileo, più noto come Boosta e storico fondatore della band dei Subsonica, che esporrà un’installazione sonora appositamente realizzata per START e l’associazione di street artist Il cerchio e le gocce, invitati a esporre con un progetto di approfondimento sulla loro ventennale attività di interventi a scala urbana, a livello nazionale e internazionale.

DOVE E QUANDO:

 

INAUGURAZIONE APERTA AL PUBBLICO 29 APRILE ORE 18.00

DAL 30 APRILE AL 22 MAGGIO presso “Il Quartiere” ex Caserma Musso in Piazza Montebello, 1 – Saluzzo. 

LA MOSTRA SARÀ APERTA GRATUITAMENTE AL PUBBLICO NEI SEGUENTI GIORNI E ORARI:

SABATO 14.00 – 19.00

DOMENICA 10.00 – 13.00 / 14.00 -19.00

Gli artisti in mostra

DOMENICO BORRELLI | CARLO D’ORIA | DAVIDE BOOSTA DILEO | ENRICO IULIANO WALTER VISENTIN 

CAROLA ALLEMANDI | ALESSANDRO ARMETTA | GAIA BELLINI  | SIMONE BENEDETTO  |  MARTINA BIOLO | PAOLA BOSCAINI  | ROBERTO CACCAMO  | MARCELLO CAMPORA | CAOSBEATRICE CARUSO  | GISELLA CHAUDRY  | GENNIFER DERI  | ROBERTA DI LAUDO | BENITA GIKAITÉ | LORENZO GNATA | IL CERCHIO E LE GOCCEENRICO IORI | ROBERTO MARIA LINO | FRANCESCA LUPO  | NICO MIYAKAWA  | BARBARA NATI | LIVIO NINNI  | GERMAIN ORTOLANI | ALBERTO PARINO  | ROSSELLA POIDOMANI  | NINA SILLA  | FRANCESCO SOLLAZZO  | SARA ZUNINO 

Premi

PREMIO IGAV

In occasione della sesta edizione di START 2022, Paratissima è lieta di annunciare la collaborazione con l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, realtà di riferimento nel territorio di Saluzzo nell’ambito dell’Arte Contemporanea. L’Istituto Garuzzo per le Arti Visive selezionerà due lavori tra quelli che faranno parte della mostra curata da Paratissima per la nuova edizione di START e li ospiterà per un anno nella sua Esposizione e Collezione permanente presso il complesso museale de la Castiglia di Saluzzo.

PREMIO NICE

Nell’ambito della mostra collettiva di Arte Contemporanea RI-ABITARE curata da Paratissima per START/Arte, due tra gli artisti emergenti under 40 esposti saranno selezionati e premiati con la possibilità di essere ospiti nelle mostre conclusive del corso N.I.C.E. New Independent Curatorial Experience, il master in pratiche curatoriali di Paratissima. Le mostre conclusive saranno ambientate nei suggestivi spazi dell’ARTiglieria Con/temporary Art Center a Torino.
Animal Soul

 Animal Soul di Simone Benedetto

Nel suggestivo chiostro della Chiesa di San Giovanni, trovano spazio le sculture di Simone Benedetto. Nell’esposizione, visitabile dal 29 Aprile al 22 Maggio, si potrà ammirare come la scultura può animare e ri-abitare uno spazio, reinterpretando poeticamente lo spirito del luogo.

In modo poetico e delicato, come un gruppo di bambini intenti a giocare, le sculture di Simone Benedetto metaforicamente ri-abitano il solenne silenzio degli spazi spirituali del Chiostro.  Nonostante la perfetta immobilità della scena ci sembra di scorgerli, con la coda dell’occhio, mentre si rincorrono e di udire in sottofondo le soffocate risate di un gioco, nato sul momento e per caso in un luogo proibito. Il “claustrum”, fulcro degli antichi monasteri, era infatti concepito come una corte interna chiusa, riservata ai monaci per la meditazione e la preghiera. 

Bambini travestiti da animali, protagonisti di antiche fiabe o progenie di creature mitologiche: non è dato sapere cosa siano esattamente gli Animal Soul. Forse rappresentano semplicemente il Genius Loci, lo ‘spirito del luogo’, rinato e rinnovato, che ha trovato nuova vita e senso da quando lo spazio è stato finalmente ri-aperto e reso accessibile a tutta la comunità. I bambini, ibridi metà uomo e metà animale, sembrano infatti rispecchiare la peculiarità ambivalente del chiostro: luogo aperto ma allo stesso tempo rinchiuso da mura, spazio costruito e contemporaneamente giardino, un angolo di natura incastonato nella città.

Copia di 7L9A8721

DOVE E QUANDO:

DAL 29 APRILE AL 22 MAGGIO presso il Chiostro della Chiesa di San Giovanni in via San Giovanni, 1 – Saluzzo. 

L’ESPOSIZIONE SARÀ APERTA GRATUITAMENTE AL PUBBLICO TUTTI I GIORNI

Genius loci

Genius Loci di Walter Visentin

WORKSHOP DI SCULTURA

In occasione della sesta edizione di START Saluzzo e nell’ambito della mostra collettiva di Arte Contemporanea RI-ABITARE, si inserisce il workshop di scultura condotto dall’artista torinese Walter Visentin.

Oggetto del workshop sarà il concetto di Ri-Abitare lo spazio e il tempo, realizzando una scultura site-specific per il cortile del Quartiere, sede della mostra, utilizzando la materia grezza della memoria: verrà chiesto infatti ai cittadini di partecipare attivamente portando vecchi arredi o attrezzi agricoli, in ferro o legno, da inserire in questa sorta di monumento celebrativo, che intende omaggiare le tradizioni, dunque il genius loci del territorio.

Per 4 giornate, da giovedì 28 aprile sino a domenica 1 maggio, Walter Visentin lavorerà nel cortile del Quartiere insieme a un gruppo di circa 10 persone per realizzare Genius Loci, una scultura che prenderà forma nobilitando materiali di recupero per rappresentare un gate, una sorta di magico portale e soglia temporale tra passato remoto e futuro.
La scultura, concepita come un monumento, rimarrà in dote a Saluzzo, al Quartiere e alla Fondazione Bertoni come testimonianza di questa sesta edizione di START.
Sin dagli esordi della sua carriera la ricerca di Walter Visentin, artista e designer, si concentra sull’utilizzo di materiale di recupero, lavorato e trasformato in sculture
immaginifiche che uniscono estetica e funzionalità. Recuperare significa per Visentin scardinare il concetto di inutilità delle cose, scongiurandone la fine.

Walter Visentin, costruisce squisiti relitti attingendo alla fonte senza fine delle discariche urbane, lavorando sul rimosso della società dei consumi. Come uno psicanalista delle banlieau razzola nell’inconscio del consumismo e con i materiali di scarto crea delle zattere oniriche per fortunati naufraghi urbani che si possono permettere un momento di sogno da inserire nella loro casa.” (Diego Zanella)
Walter Visentin_foto di Enrico Carpegna

DOVE E QUANDO:

DAL 28 APRILE AL 1 MAGGIO presso “Il Quartiere” ex Caserma Musso in Piazza Montebello, 1 – Saluzzo. 

startsaluzzo

START/STORIA E ARTE A SALUZZO:

START è la rassegna che la Fondazione Amleto Bertoni annualmente dedica ad Arte, Artigianato, Antiquariato, parole chiave con le quali ogni anno uno scrigno di bellezza e cultura, la Città di Saluzzo, si apre ad Italia, Europa, mondo. In soli cinque anni si sono moltiplicate le collaborazioni e si è allargato lo sguardo. Cultura e creatività di ogni luogo incontrano tradizione e saper fare del territorio delle Terre del Monviso e delle vallate occitane. Hackathon e sfide di ingegno, design, innovazione, giardini segreti e spazi medievali a fare da cornice.

Anche per il 2022 si riconferma la via dedicata agli artigiani, spazio dove aprire laboratori chiusi da tempo, ossigenarli con giovani idee. Il Premio Matteo Olivero invece entra nello storico foyer del Cinema Teatro Magda Olivero, mentre Antiquariato stupirà il pubblico con una sezione “esterna” al castello della Castiglia disegnata dall’Architetto Paolo Pejrone.

RI-ABITARE - IL TEMA di START 2022

Start inizia il suo percorso affondando a piene mani nelle idee nate anno dopo anno in queste edizioni che sono state ora un lancio, ora una sfida, ora la consapevolezza di aver dato un segno identitario e netto al maggio saluzzese. RI-ABITARE è ciò che stiamo facendo, come comunità e come individui. Stiamo imparando a ri-abitare gli spazi, individuali, commerciali, pubblici e sociali. Ri-abitiamo l’Italia, le Aree Interne e le Città Metropolitane. Le ripensiamo, correggiamo errori, ci ripensiamo come animali sociali.

L’Unione Europea con il nuovo Next generation ha lanciato la palla davvero lontano, chiedendoci di investire energie ed economie in strutture e azioni capaci di innovare la nostra “stanca” società per entrare nel futuro, in un futuro pronto per l’Agenda 2030. Con START vogliamo ritrovarci in piazza con i ragazzi, gli artigiani, gli artisti, e condividere idee, suggestioni, passioni. Insomma, condividere cultura. Soprattutto, vogliamo andare oltre lo spazio per affondare la nostra ricerca nel tempo. Si, ci interessa il tempo. Il Tempo del vivere che abbiamo riscoperto, adattato, modificato. Il tempo digitale vs il tempo del fare, il tempo perso vs il tempo della produzione, il tempo slow vs il tempo veloce, il tempo green vs il tempo economy.

Soprattutto si vuole confermare la centralità dell’uomo nel rapporto con la sua comunità e l’ambiente  che lo circonda, elementi che profondamente ne modellano l’identità dell’individuo e la forma della società.

L’Arte, l’Artigianato, l’Antiquariato saranno per oltre un mese chiavi di lettura, momenti di approfondimento, di incontro, saranno occasioni di bellezza da vivere.

Le nuove sfide che interessano le Valli del Monviso, dopo anni di semina, si chiamano Polo del Legno, Distretto del Commercio, Saluzzo Monviso 2024. Start per un mese sarà lo spazio culturale nel quale elaborare idee e suggestioni, creare connessioni, aprire nuove strade e fornire azioni per obiettivi importanti. Insomma, ARTE calata nella STORIA che di SALUZZO e del territorio fanno il loro SPAZIO.

Scopri di più su START SALUZZO